Ciao! Oggi ti parlo degli Her, ma prima di spiegarti tutto, faccio una breve introduzione.

Ormai lo sai, sono una persona piena di gas, non nel senso di flatulenze, nel senso di energie. E di solito ti passo sempre un sacco di dischi appunto pieni di gas, che inturgidiscono i capezzoli o che fanno stringere le chiappe per la forza che hanno.

Questa volta però ti voglio parlare di una band che ha del tiro, ma che ha quel tiro che ti fa implodere più che esplodere.

Cosa voglio dire? Te lo spiego con un video che faccio prima va… Prepara la cuffie!

Ecco, questo è quello che voglio dire. Five Minutes, uscita nel 2015 è una canzone che ha del gas, ma che ti cresce dentro e si amplifica piano piano fino a farti diventare matto a meno che tu non inizi a tenere compulsivamente il tempo con il piedino.

Gli Her hanno esordito con questo brano qui. Cioè dal niente sono venuti fuori con un pezzo così che ancora dopo tre anni mi ribalta come la prima volta.

Ma parliamo degli Her!

Chi sono gli Her?

Gli Her sono un simpatico duo con un nome inglese e che canta in inglese, ma che viene da Rennes in Francia. Fra le altre cose fighe c’è che cantano con un ottimo accento inglese, non come gli Air che, con tutto l’amore che provo per loro, cantano con un accento che uccide. Ricordiamoci di “RemembÉr togethÉr, remembÉr forevÉr” ritornello della canzone Remember che trovi nel disco Moon Safari

Comunque, non divaghiamo. Questi Her sono nati nel 2015 e sono composti da Simon Carpentier e da Victor Solf. Il primo ha passato un bel po’ di tempo negli Stati Uniti (da qui la pronuncia), mentre il secondo ha passato un sacco di tempo ad ascoltare i Kraftwerk (band che amo e che ho visto a Taranto al Medimex).

Il nome della band è dedicato a tutte le donne che hanno ispirato Simon e Victor e vuole emanare energia e sensualità. Diciamo che fare tutto questo solo da un nome non è una roba semplice, però nel momento in cui li si ascolta tutte queste cose si percepiscono abbastanza bene.

Che lavori hanno fatto gli Her?

Ecco qua entriamo nel punto interessante. Sì perché gli Her sono nati nel 2015, ma hanno prodotto il loro primo lavoro in studio solo quest’anno. A giugno infatti è uscito Her, primo disco della band. Prima di questo album possiamo trovare 3 EP di canzoni live e 2 EP di canzoni in studio. Tutti gli EP si chiamano banalmente Her Live Tape #1, #2 e #3 e Her Tape #1 e #2. La cosa molto bella è che la musica al suo interno non è per niente banale.

Infatti, in particolare nell’album uscito quest’anno, troviamo un bellissimo mix di musica black alla Frank Ocean con la poesia di Cole Williams.

Come suonano live gli Her?

Dal vivo hanno una formazione di 5 elementi. Simon e Victor (che sono i cantanti) più chitarra, basso e batteria.

Assieme riescono a creare atmosfere davvero affascinanti. Di quelle che ti fanno chiudere gli occhi, spingere la testa indietro e guardare l’universo attraverso le palpebre chiuse.

Adesso voglio proprio andarmi a sentire gli Her!

Anche io ci voglio andare. Però, come al solito per noi italiani non è per niente facile. Infatti, a meno che tu non abbia intenzione di recarti all’Ypsigrock di Castelbuono, in Sicilia, per il 2018 puoi metterti via la voglia di ascoltarli dal vivo in Italia.

Però, nel caso in cui tu non sia domiciliato nel Bel Paese (o comunque sia disposto a viaggiare un pochetto), potrai trovare facilmente un sacco di date in Europa. Per comodità ti ciccio qui sotto l’immagine con tutte le date fino alla fine di quest’anno.

date-tour-2018-her

Bene, per questa settimana è tutto, adesso metti su le cuffie, alza il volume, chiudi gli occhi, stringi le chiappe e premi PLAY!