La playlist di Vista Mare per Piadina Music

Vista Mare fa una playlist per Piadina Music e io mi metto subito a spiattellarlo a tutti su internet. Ma partiamo dal principio.

Sono le 22.31 di domenica sera. Sì, ok, lo so che per te non è così. Però nel momento in cui le mie dita saltellavano felici sulla tastiera era quell’ora lì. Io avevo appena finito un bagno lungo un’ora.

Anche i punk fanno il bagno sai? Ma la cosa figa è che durante questo rilassantissimo bagno pieno di bolle e candele, aromi, atmosfere e robe così, ho contornato il tutto con il sound della playlist che Vista Mare ha fatto per Carlo Piadina e per tutti i suoi lettori piadinari.

Cos’è Vista Mare?

Ma sto cavolo di Vista Mare cos’è?

È un programma radiofonico fatto da un gruppetto di regaz che hanno coraggio, gusto e che se ne sbattono abbastanza di andare contromano. Tutti i martedì sera alle 21 accendono i loro microfoni irriverenti su Uniradio Cesena e passano SOLO musica indipendente per 60 minuti tondi. E sapete qual è la cosa che mi intrippa di più? È che il programma è tutto in diretta Facebook. Quindi domani sera sai già cosa fare.

Comunque io mi aspettavo di avere un sacco di sonorità super incazzate e aggressive ed ero pronto a rendere il bagno un campo di battaglia, ferito dall’acqua bollente delle mie sguazzate agitate.

Invece questi regaz, dopo aver aperto con un pezzo di Giungla, come se sapessero in anteprima del mio bagnetto rilassante, mi hanno piazzato là tutta una serie di suoni quasi lounge che mi hanno fatto stare nella vasca per tutta la durata della playlist.

È stato quasi imbarazzante perché poi quando sono uscito e mi sono asciugato, il bagno era assolutamente pulito e ordinato. A momenti non mi riconoscevo più nemmeno allo specchio.

La playlist che Vista Mare ha deciso di dedicarmi mi piace perché è un mix fra musica super locale, tipo Doansai con la canzone Cesenatico (che mi fa venire un sacco di voglia d’estate) e musica un po’ più “mainstream” come i pezzi dell’ultimo disco di Maiole e i pezzi dei Fitness Forever (dai cui nasce anche Yombe).

Il messaggio

In ogni caso dato che i regaz comunque sono dei dritti, hanno deciso di mandare un messaggio non solo musicale ai miei lettori e io, che come sai ai giovani voglio molto bene, ve lo riporto qui sotto:

“Noi di Vista Mare non amiamo le playlist, ne facciamo infatti uscire al massimo una al mese giusto per raccogliere tutti gli artisti conosciuti in quel lasso di tempo, creando così una sorta di storia temporale, senza distinzioni di genere e provenienze.

Questo perché siamo certi del fatto che l’ascoltatore medio, attraverso le playlist, si trovi ” la pappa pronta” creando in tal modo una sorta di circuito industriale, da cui rimangono fuori tantissimi artisti e tantissima musica.

Bisognerebbe essere un po’ più coscienti verso quello che si ascolta e interessarsi a quello che piace a noi come individui.

Per questo motivo in questa playlist abbiamo raggruppato solo artisti italiani, di ” basso rilievo” e con poca risonanza mediatica. Perché di musica buona in Italia ne abbiamo tanta, solo che non lo sa praticamente nessuno.”

La playlist

Il link al canale di Vista Mare lo trovi cliccando qui. Adesso regaz, bando alle ciance. Mettete su le cuffie, alzate il volume e lasciate che i vostri capezzoli si inturgidiscano al suono della seconda playlist di Piadina Music firmata da Vista Mare. E come al solito, se credi un po’ nella musica indipendente, condividimi, commentami, ascoltami, amami.

CIAO!